Counsel ing ps  icologi co Individuale  per

La mediazione familiare costituisce uno spazio e un tempo “neutro” dove i coniugi abbiano la possibilità di “ripensarsi” come coppia unita nell’esercizio della funzione genitoriale: qualora la separazione dovesse essere l’opzione scelta, i coniugi durante il percorso di mediazione avranno l’opportunità di riorganizzare emotivamente e pragmaticamente la loro vita. Attraverso un percorso strutturato di negoziazione si giunge a degli accordi “ragionevoli e mutualmente soddisfacenti” su tutti gli aspetti inerenti il divorzio: modalità di affidamento dei figli, calendario delle visite per il genitore non affidatario, assegno di mantenimento, divisioni patrimoniali, spartizione dei beni ecc.

I dati statistici parlano chiaro: la durata degli accordi è direttamente proporzionale al grado di soddisfazione che questi procurano a chi è tenuto a rispettarli. Ne deriva che soltanto un accordo che rispetti gli interessi di entrambi i coniugi avrà la possibilità di resistere nel tempo.

La mediazione rappresenta il modo migliore per i minori di vedere tutelati i propri diritti, bisogni ed interessi: il mediatore infatti ha il dovere di opporsi a quelle decisioni prese dai coniugi che minacciano l’interesse dei bambini. Sono cioè i figli i beneficiari privilegiati di questo tipo di intervento.

La mediazione familiare si presenta allora come un aiuto concreto ai padri e alle madri che intendono ripensare in maniera intelligente e costruttiva alla riorganizzazione del ménage familiare, evidentemente destrutturato dalla crisi coniugale. In mediazione non ci si occupa del passato e dei motivi che hanno condotto la coppia alla decisione di separarsi, almeno che questi aspetti non servano effettivamente per costruire quel tavolo delle mediazioni che farà da base all’attività negoziale dei coniugi. L’attenzione dei protagonisti si soffermerà soprattutto sui ruoli presenti e futuri e su tutti gli aspetti di gestione del nuovo assetto familiare.

Counseling psico